Il personal branding ha l’obiettivo di definire il nostro valore percepito, online e offline, in un’ottica di coerenza tra l’immagine comunicata e i nostri valori. Nell’articolo precedente, dal titolo “Personal Branding: materiali, tipologie e vestibilità della camicia vincente da uomo”, rivisitazione del bestseller “Dress for Success” di John T. Molloy, abbiamo analizzato i primi elementi essenziali per la scelta delle camicie; in questo articolo, invece, approfondiremo pattern, colori, maniche e altri dettagli. Grazie a consigli pratici, sarà più semplice gestire il proprio guardaroba valorizzando i punti di forza che ci caratterizzano.

Scegliere pattern e colori delle camicie

In qualsiasi prova d’abito, le camicie da abito più gettonate – quelle che suscitano i migliori risultati in termini di gusto, classe, credibilità ed efficacia – sono ancora, e continueranno a essere sempre, quelle di colore bianco e quelle a tinta unita. Se adeguatamente coordinate o contrastate, le tinte unite si abbinano a tutti gli abiti e a tutte le cravatte. Tra le tinte unite, il blu è la più popolare, seguita dagli altri colori pastello: più chiari sono, meglio è. Un giallo sgargiante e chiassoso non è una camicia adatta per il business, ma un giallo pallido e pastello sì.

Se i vostri partner d’affari hanno più di quarantacinque anni, se dovete trattare spesso con persone di ceto medio-basso (ad esempio, se siete un bancario o un avvocato), non indossate mai camicie rosa o color lavanda pallido, che possono suscitare associazioni mentali poco convenzionali. Non indossate mai una camicia rossa, indipendentemente da chi siate o da cosa fate: è totalmente sconsigliato.

Se avete una carnagione chiara, dovreste evitare qualsiasi tonalità di oro, verde o grigio, colori che in genere non valorizzano l’incarnato di nessuno.

Per evitare di sembrare un gangster, assicuratevi sempre che la camicia sia più chiara dell’abito e la cravatta più scura della camicia (con alcune eccezioni negli outfit estivi). Nelle camicie a tinta unita, in genere la tonalità più chiara e tenue è quella della classe medio-alta e il colore gelido, lucido, più scuro e duro è propria della classe medio-bassa.

Personal branding: pattern, colori e dettagli della camicia vincente da uomo

Esiste una base storica concreta per questa affermazione. Storicamente, le camicie costose erano realizzate con materiali di qualità superiore, che si tingevano molto facilmente e che consentivano di ottenere le tonalità più chiare. Le camicie più economiche erano realizzate con tessuti più duri, più resistenti alla tintura e venivano prodotte in serie in quantità maggiori. Per poterle tingere in modo uniforme, le tinture dovevano essere scure e forti.

Oggi, grazie al miglioramento delle tecniche di tintura e dei tessuti, anche le camicie più economiche possono avvicinarsi ai colori chiari delle loro controparti più costose, ma le associazioni psicologiche di classe legate ai colori rimangono.

Quando si acquistano camicie a tinta unita, se si ha un budget limitato e si deve comprare il capo più economico possibile, suggerisco di recarsi prima nei negozi più costosi che si possono trovare. Osservate i colori e le texture delle camicie migliori e più adatte a voi e poi avvicinatevi il più possibile a quelli, quando sceglierete le camicie della vostra fascia di prezzo. Con la pratica, sarete in grado di ottenere un risultato notevole, con il look giusto nei limiti del vostro budget.

Alla fine della fiera, sarete orgogliosi di aver fatto scelte raffinate quanto le vostre controparti più abbienti: chiunque può ottenere il look giusto con un alto budget a camicia, ma ci vuole talento per farlo a basso costo.

Diversi tipi di camicia sono fondamentalmente a tinta unita, ma presentano una trama o un motivo perché i fili colorati sono intrecciati con fili bianchi. Si tratta del tessuto End-on-end e del tessuto Oxford, che non solo sono camicie altamente consigliate, ma aggiungono anche ricchezza, consistenza e varietà ad un aspetto complessivo già di buona qualità. Inoltre, i tessuti end-on-end e Oxford, a causa della filettatura bianca, sono più consigliati nei colori scuri rispetto al tessuto a tinta unita.

Tessuto end-on-end e tessuto Oxford

Anche le camicie in denim o in chambray hanno lo stesso tipo di trama e consistenza e sono consigliate per alcuni uomini in alcune professioni. Se non siete sicuri di doverle indossare, non fatelo e non indossatele mai con abiti molto eleganti.

Camicie denim e chambray

Camicie a righe: riconoscerle e sceglierle

Una variante della camicia a tinta unita è la camicia color pastello con colletto e/o polsini bianchi. È suggerita se indossata con abiti a tinta unita, a condizione che si lavori in un settore di alta moda.

Il secondo pattern consigliato nella camiceria è la riga semplice. Le righe possono variare da un sottilissimo gessato a una larghezza di un millimetro e mezzo. Alcune strisce più larghe potrebbero essere considerate, ma a meno che non siate sicuri, evitatele. In generale, più le righe sono vicine tra loro, più la camicia è da considerare valida.

Come regola generale, se non si tratta del materiale migliore, evitate le righe se sono distanti più di sei millimetri.

La riga può essere di qualsiasi colore coordinato o in contrasto con l’abito, purché su sfondo bianco.

Come per le tinte unite, tuttavia, è bene evitare i colori che non valorizzano l’incarnato (grigio, oro e verde).

Le strisce bianche su sfondo pastello sono consigliate per la varietà, ma meno adatte dell’inverso: strisce pastello su sfondo bianco. Più la striscia è scura, più è valida. Per esempio, i miei test con strisce marrone intenso mostrano un risultato migliore rispetto a un rosso acceso. Lo stesso vale per un blu scuro rispetto a un blu chiaro.

A meno che non sappiate davvero cosa state facendo con le camicie a righe, le strisce dovrebbero essere sempre di un solo colore, su uno sfondo di un solo colore. Alcune strisce multicolori sono esplorabili, ma poiché ne esistono tantissime varianti, sarebbe complesso dare regole ferree da seguire. Generalmente, la riga multicolore genera nella maggior parte delle persone un’associazione con la classe medio-bassa.

Le righe delle camicie devono essere sempre ben definite e non avere un aspetto sbiadito. Nei motivi a righe, le camicie interamente in cotone hanno di solito un effetto più nitido rispetto alle fibre miste.

Tipologie di camicie

Le camicie plaid

L’ultimo motivo che si può adottare in una camicia da lavoro è il plaid, non un plaid molto pesante, ma un plaid semplice e delicato. Quando il plaid diventa un plaid Glen, o quando ha un aspetto Tartan o addirittura Gingham, la camicia diventa automaticamente una camicia sportiva.

Le camicie plaid

La regola per i plaid, sia nelle camicie che negli abiti, è la stessa: una volta che la texture diventa anche solo un po’ marcata, rende il capo strettamente sportivo e non dovrebbe essere indossato per lavoro. In poche parole, qualsiasi camicia a quadri che si potrebbe pensare di indossare come camicia sportiva probabilmente non dovrebbe essere indossata come camicia da lavoro.

I pattern da evitare nelle camicie

Negli abiti per il business, i modelli di camicia da evitare superano di gran lunga quelli consigliati. I pattern da escludere includono qualsiasi striscia ondulata o nastro, quasi tutti i motivi in raso, quasi tutti i motivi a pois, quasi tutti i motivi ad alta tessitura o intricati, in particolare quelli Jacquard, compresi quelli descritti come strisce Jacquard, e qualsiasi motivo che tende ad apparire sbiadito. Come nel caso delle righe, le camicie multicolori in qualsiasi modello sono generalmente da evitare, in quanto la natura stessa dei colori tende ad associarsi alla classe medio-bassa. Anche in questo caso, se si tratta di camicie colorate, è meglio evitare le camicie multicolori.

Tutto ciò che abbiamo detto su materiali, colori e modelli di camicie si basa su anni di test effettuati in molti modi diversi, ma sempre con gli stessi obiettivi in mente: quanto questa camicia è in grado di trasmettere gusto e classe e quanto è efficace nel dare a chi la indossa l’aspetto che dovrebbe avere per avere successo nel suo particolare obiettivo?

Camicie Jacquard

Dal momento che il successo di un abito dipende non solo dalle caratteristiche specifiche ma anche dagli abbinamenti, ecco alcune regole specifiche sulle camicie.

Qualche consiglio

Se volete comunicare credibilità con un uomo di oltre cinquant’anni, dovete indossare una camicia bianca quando trattate con lui. Se desiderate comunicare credibilità con un uomo ai vertici dell’industria, la camicia più pratica è quella gessata, di colore blu scuro, da indossare con un abito solido. Queste sono le camicie che, secondo i miei test, generano la massima credibilità e autorità.

Camicie a maniche corte: si possono usare?

Se intendete prendere sul serio ciò che ho detto, prendete nota di quanto segue: non indosserete mai e poi mai, finché vivrete, una camicia a maniche corte per qualsiasi scopo lavorativo, indipendentemente dal fatto che siate un dipendente o il presidente dell’azienda.

Le camicie a maniche corte sono un simbolo della classe medio-bassa e quindi non trasmettono alcuna autorevolezza o potere psicologico. I dirigenti della classe medio-alta, che possono permettersi buone camicie di cotone a maniche lunghe e hanno uffici con l’aria condizionata, non indossano camicie a maniche corte, come è giusto che sia.

Applicare i monogrammi delle camicie: dos e don’ts

C’è una storia divertente sulle camicie con monogramma. Un giovane dirigente si stava facendo fare delle camicie personalizzate e, dato che il monogramma era incluso nel prezzo e che lui era comunque un tipo pratico, si fece fare il monogramma con i simboli cinesi che significano “Niente amido”. In poche parole, gli piaceva l’idea di avere un capo con delle caratteristiche di lusso, il che non è irragionevole.

Personalmente trovo i monogrammi un po’ ostentati, ma se avete raggiunto i livelli medi o alti del successo e vi piacciono i monogrammi, non c’è motivo di non averli. Suggerisco, tuttavia, di utilizzare caratteri discreti e sofisticati, senza intricate volute, e di far cucire i monogrammi sul lato sinistro, circa tre centimetri sopra la linea della cintura, secondo lo stile europeo, anziché sopra il capezzolo. Non fate mai mettere i monogrammi sul polsino.

Camicia con tasche o senza?

Una delle piccole ironie della nostra cultura è che uno dei segni distintivi di una camicia da abito molto costosa è che di solito non ha tasche, perché l’uomo che può permettersi quella camicia di solito non vuole o non ha bisogno del taschino. Ovviamente, se dovete indossare i capi pronti meno costosi e quelli che potete permettervi hanno le tasche, siete bloccati, anche se questo non dovrebbe essere una grande preoccupazione. Ma se state comprando una camicia costosa, personalizzata o semi-personalizzata non dovrebbe in nessun caso avere le tasche, men che meno due tasche. Le tasche della camicia, in ogni caso, devono essere di tipo semplice, senza patta o bottone.

Dettagli da evitare sulle camicie

Nessuna camicia da sera deve avere spalline o pieghe decorative o motivi “da cowboy“ o essere cucita con filo di colore diverso da quello del tessuto della camicia. I bottoni devono essere semplici e sobri e solitamente bianchi.

Creare il proprio guardaroba di camicie: dos e don’ts

Seguendo un metodo intelligente per acquistare le camicie, vi assicurerete di avere sempre quello che vi serve: ogni volta che comprate un abito, acquistate immediatamente camicie (e cravatte) da abbinare.

Troppi uomini si dicono: “Beh, prenderò questo vestito, ma ho già camicie e cravatte”. Quando arriva l’abito, le camicie e le cravatte a disposizione non si abbinano un granché, ma vengono indossate comunque.

Il risultato è che il look complessivo è inadeguato e, per quanto l’uomo sia stato attento nella scelta dell’abito, se tutto non si amalgama, lo sforzo è sprecato. Altri uomini acquistano camicie d’impulso, spesso pensando che si abbinino a qualche abito nell’armadio, ma in genere non è così.

Il risultato è un abbinamento sbagliato e un look poco riuscito.

Il numero di camicie da avere per ogni abito dipende quasi esclusivamente dalla frequenza con cui si deve indossare l’abito e dalla velocità della lavanderia. Suggerirei tre camicie (e due cravatte) come minimo assoluto per ogni abito. Più abiti avete, meno camicie vi serviranno per ciascuno di essi e più camicie avrete che si abbineranno a più abiti diversi, ma questo non elimina in alcun modo la necessità di acquistare sempre camicie per abiti specifici piuttosto che cercare di acquistare una camicia da abbinare a più di un abito.

Supponendo che il vostro guardaroba base sia il solito mix di grigi, blu e marroni, vi propongo il seguente guardaroba base di camicie, a condizione che vengano scelte le tonalità di colore appropriate per ogni abito:

  • 1 camicia elegante a tinta unita, da indossare regolarmente;
  • 1 camicia elegante bianca da tenere in un sacchetto di plastica, pulita, stirata e sempre pronta per le emergenze;
  • Dopo un anno, o secondo necessità, una nuova camicia di emergenza bianca. Trasforma quella vecchia nella tua camicia bianca quotidiana.
  • 1 camicia con tessuto Oxford a tinta unita bianco con colletto button-down.
  • 3 camicie blu tinta unita.
  • 2 camicie blu con tessitura End-on-end.
  • 2 camicie con tessuto Oxford blu con colletti button-down.
  • 2 camicie gessate blu scuro su sfondo bianco.
  • 1 camicia gessata marrone su sfondo bianco.
  • 2 camicie tinta unita beige.
  • 1 camicia con tessuto pettinato tinta unita giallo pallido.
  • 1 camicia con tessuto Oxford giallo pallido con colletto button down.
  • Altre 6 camicie in qualsiasi colore o fantasia (diverse da quelle proibite, citate precedentemente) secondo i tuoi gusti e le tue esigenze.

Rivisitazione di:
Dress for success, John T. Molloy, Warner books, 1976

Vorresti migliorare la tua immagine professionale?

Contattaci adesso!

Contattaci ora

Articoli Consigliati

cover-personal-branding-per-il-commerciale-social-selling-ars

Personal Branding per il Commerciale: come efficientare il social selling

In questo articolo spieghiamo le ultime tre applicazioni del Personal Branding per il commerciale.

Leggere di più


0 Commenti9 Minuti

personal-branding-per-l-hr-cover

Personal Branding per l’HR: come valorizzare le persone in azienda

Scopri l'importanza della valorizzazione del personale grazie ad un'efficace personal branding per l'HR

Leggere di più


0 Commenti10 Minuti