Finalmente anche in Italia è arrivato Threads, il nuovo social di Meta!

In questo articolo capiremo come funziona Threads e come integrarlo nel proprio piano editoriale.

Le caratteristiche di Threads

Threads è un social network prevalentemente testuale, come X (Twitter), in cui gli utenti possono pubblicare post composti da un massimo di 500 caratteri ed, eventualmente, inserire foto (fino a 10) e video.

A differenza di altre piattaforme, Threads consente di creare un proprio profilo (attraverso il login di Instagram) oppure di navigare come “ospite” senza, però, la possibilità di pubblicare o interagire.

Terminata l’iscrizione su Threads, comparirà anche un collegamento rapido nel proprio profilo Instagram.

Opzioni Login Threads

Ecco un esempio di profilo Threads.

La composizione ricorda molto quella di Instagram. Gli elementi principali sono: immagine di profilo, nome utente e bio.

Esempio profilo Threads

Threads permette anche di scegliere tra due impostazioni di privacy:

  • Profilo pubblico: chiunque può vedere i tuoi contenuti e interagirci;
  • Profilo Privato: solo i tuoi follower possono vedere i contenuti e interagirci.

Attualmente, all’interno di Threads sono presenti due feed: la sezione “Per te”, qui l’algoritmo suggerisce contenuti in base agli interessi dell’utente, e la sezione “Seguiti”, ovvero i post dei profili a cui abbiamo lasciato il follow.

Importante sottolineare che al momento non è presente alcuna pubblicità su Threads, ma non escludiamo che in futuro si potranno pubblicare sponsorizzazioni mirate, proprio come avviene da tempo su Facebook o Instagram.

Come integrare Threads nel piano editoriale

Un piano editoriale ben strutturato permette di organizzare e pianificare i contenuti del proprio business.

Threads potrebbe rivelarsi un eccellente canale da integrare all’interno del proprio piano editoriale, creando post ad hoc per sfruttare appieno le caratteristiche precedentemente spiegate. Professionisti come avvocati o medici, ad esempio, potrebbero sfruttare questa piattaforma proponendo contenuti incisivi, su varie tematiche, attraverso “pillole” informative.

È essenziale evitare di riproporre gli stessi contenuti già pubblicati su altri social media. Al contrario, è fondamentale personalizzare il materiale, offrendo così un motivo in più agli utenti per seguirci.

Vorresti migliorare la comunicazione del tuo brand?

Siamo qui. Pronti per aiutarti!

Contattaci ora

Articoli Consigliati

6 principi per rendere persuasive le tue landing page

6 principi psicologici per rendere persuasive le tue landing page

Scopri come rendere efficaci le tue landing page attraverso sei principi persuasivi, come la legge di Hick o l'Endowment Effect.

Leggere di più


0 Commenti5 Minuti

ChatGPT per il piano editoriale: un nuovo strumento per il successo

ChatGPT per il piano editoriale: un nuovo strumento per il successo

Scopri come funziona ChatGPT attraverso degli esempi e quali sono i vantaggi per i brand nell'utilizzare questo software di IA.

Leggere di più


0 Commenti5 Minuti

attirare-attenzione-neuromarketing-ars

Neuromarketing e social: ecco come attirare l’attenzione

Scopri come applicare alcune leve di neuromarketing per catturare l'attenzione degli utenti mentre navigano sui social.

Leggere di più


0 Commenti4 Minuti

LinkedIn Social Selling Index (SSI): cos’è e come aumentarne il punteggio

LinkedIn Social Selling Index (SSI): cos’è e come aumentarne il punteggio

LinkedIn Social Selling Index (SSI) è un punteggio da 1 a 100 che misura quotidianamente le azioni social di un utente su LinkedIn. Approfondisci l'argomento!

Leggere di più


0 Commenti3 Minuti

Come pianificare i contenuti per i social

Per pianificare e progettare i post e le storie per i tuoi profili social puoi utilizzare delle semplici tecniche che ti aiutano a raccogliere le idee e a trasformarle in contenuti.

Leggere di più


0 Commenti7 Minuti